(Italiano) In Oriente…per la Festa dei nostri bambini !!

Sorry, this entry is only available in Italiano.

Facebook Twitter Linkedin Plusone Email

(Italiano) 4Eureka, seconda tappa

Facebook Twitter Linkedin Plusone Email

(Italiano) Manca poco…

Sorry, this entry is only available in Italiano.

Facebook Twitter Linkedin Plusone Email
Tagged , |

(Italiano) Dove sono quelle parti invisibili della realtà?

Sorry, this entry is only available in Italiano.

Facebook Twitter Linkedin Plusone Email
Tagged , |

(Italiano) The second week

È iniziata la seconda settimana e il progetto sta prendendo sempre più forma nonostante gli inevitabili problemi che di tanto in tanto si presentano.
È iniziata la seconda settimana e il progetto sta prendendo sempre più forma nonostante gli inevitabili problemi che di tanto in tanto si presentano.
È iniziata la seconda settimana e il progetto sta prendendo sempre più forma nonostante gli inevitabili problemi che di tanto in tanto si presentano.
È iniziata la seconda settimana e il progetto sta prendendo sempre più forma nonostante gli inevitabili problemi che di tanto in tanto si presentano. Le squadre per ora si sono sincronizzate in maniera adeguata, ma alcuni punti del progetto sono fermi a causa dell’attesa di alcuni pezzi che andranno a comporre il progetto. Ad esempio gli informatici nonostante abbiamo terminato il programma della schedina su openpicus non possono testare il tutto sui sensori, i quali devono ancora arrivare.
Migliori notizie sul fronte della parte web dove hanno terminato la struttura della gestione degli utenti sui database. Ciò comporta anche un rallentamento da parte degli elettronici che nonostante tutto hanno terminato il montaggio del circuito led e progettato disegni elettronici dei circuiti che andranno integrati alle entrate e uscite della scheda.
Nell’area evento hanno continuato a fare gli inviti, li hanno stampati e mandati ai rispettivi invitati via mail. Adesso in questo momento stanno pensando ai giochi da progettare all’evento per dare al pubblico la possibilità di partecipare attivamente e non limitarsi solo ad ascoltare. Stanno inoltre preparando un video di presentazione della classe virtuale.
Nell’area meccanica si è giunti a stabilire le quote (le misure dei pezzi). Hanno deciso di non stampare più il vaso in 3D, ma di utilizzarlo come progetto tridimensionale al fine di espanderlo virtualmente. Per quanto riguarda il progetto modulare, che è un progetto che permette una elastica e flessibile implementazione di altre funzionalità, senza modificare la struttura base (core), è portato avanti da un gruppo formato da 2 informatici 2 elettronici e 2 meccanici. Sono state estratte diverse idee ed esaminate una per una ricercando i pro e i contro. Alla fine comparando questi ultimi risultati è stata scelta la migliore considerando fattori quali tempo, costo e materiali a disposizione.
Tutto è coordinato dall’area di controllo gestione che gestisce e organizza i flussi di lavoro dei singoli gruppi.

 

È iniziata la seconda settimana e il progetto sta prendendo sempre più forma nonostante gli inevitabili problemi che di tanto in tanto si presentano. Le squadre per ora si sono sincronizzate in maniera adeguata, ma alcuni punti del progetto sono fermi a causa dell’attesa di alcuni pezzi che andranno a comporre il progetto. Ad esempio gli informatici nonostante abbiamo terminato il programma della schedina su openpicus non possono testare il tutto sui sensori, i quali devono ancora arrivare.
Migliori notizie sul fronte della parte web dove hanno terminato la struttura della gestione degli utenti sui database. Ciò comporta anche un rallentamento da parte degli elettronici che nonostante tutto hanno terminato il montaggio del circuito led e progettato disegni elettronici dei circuiti che andranno integrati alle entrate e uscite della scheda.
Nell’area evento hanno continuato a fare gli inviti, li hanno stampati e mandati ai rispettivi invitati via mail. Adesso in questo momento stanno pensando ai giochi da progettare all’evento per dare al pubblico la possibilità di partecipare attivamente e non limitarsi solo ad ascoltare. Stanno inoltre preparando un video di presentazione della classe virtuale.
Nell’area meccanica si è giunti a stabilire le quote (le misure dei pezzi). Hanno deciso di non stampare più il vaso in 3D, ma di utilizzarlo come progetto tridimensionale al fine di espanderlo virtualmente. Per quanto riguarda il progetto modulare, che è un progetto che permette una elastica e flessibile implementazione di altre funzionalità, senza modificare la struttura base (core), è portato avanti da un gruppo formato da 2 informatici 2 elettronici e 2 meccanici. Sono state estratte diverse idee ed esaminate una per una ricercando i pro e i contro. Alla fine comparando questi ultimi risultati è stata scelta la migliore considerando fattori quali tempo, costo e materiali a disposizione.
Tutto è coordinato dall’area di controllo gestione che gestisce e organizza i flussi di lavoro dei singoli gruppi.

 

È iniziata la seconda settimana e il progetto sta prendendo sempre più forma nonostante gli inevitabili problemi che di tanto in tanto si presentano. Le squadre per ora si sono sincronizzate in maniera adeguata, ma alcuni punti del progetto sono fermi a causa dell attesa di alcuni pezzi che andranno a comporre il progetto. Ad esempio gli informatici nonostante abbiamo terminato il programma della schedina su openpicus non possono testare il tutto sui sensori, i quali devono ancora arrivare. Migliori notizie sul fronte della parte web dove hanno terminato la struttura della gestione degli utenti sui database. Ciò comporta anche un rallentamento da parte degli elettronici che nonostante tutto hanno terminato il montaggio del circuito led e progettato disegni elettronici dei circuiti che andranno integrati alle entrate e uscite della scheda. Nell’area eventi hanno continuato a fare gli inviti e li hanno stampati e mandati ai rispettivi invitati via mail. Adesso in questo momento stanno pensando ai giochi da progettare all’evento per dare al pubblico la possibilità di partecipare attivamente e non limitarsi solo ad ascoltare. Nell’area meccanica si è giunti a stabilire le quote (le misure dei pezzi). Hanno deciso di non stampare più il vaso in 3D,ma di utilizzarlo come progetto tridimensionale al fine di espanderlo virtualmente. Per quanto riguarda il progetto modulare, che è un progetto che permette una elastica e flessibile implementazione di altre funzionalità senza modificare la struttura base (core), è portato avanti da un gruppo formato da 2 informatici 2 elettronici e 2 meccanici. Sono state estratte diverse idee ed esaminate una per una ricercando i pro e i contro. Alla fine comparando questi ultimi risultati è stata scelta la miglior,e considerando fattori quali tempo, costo e materiali a disposizione. Tutto è coordinato dall’area di controllo gestione che gestisce e organizza i flussi di lavoro dei singoli gruppi.

 

È iniziata la seconda settimana e il progetto sta prendendo sempre più forma nonostante gli inevitabili problemi che di tanto in tanto si presentano. Le squadre per ora si sono sincronizzate in maniera adeguata, ma alcuni punti del progetto sono fermi a causa dell attesa di alcuni pezzi che andranno a comporre il progetto. Ad esempio gli informatici nonostante abbiamo terminato il programma della schedina su openpicus non possono testare il tutto sui sensori, i quali devono ancora arrivare. Migliori notizie sul fronte della parte web dove hanno terminato la struttura della gestione degli utenti sui database. Ciò comporta anche un rallentamento da parte degli elettronici che nonostante tutto hanno terminato il montaggio del circuito led e progettato disegni elettronici dei circuiti che andranno integrati alle entrate e uscite della scheda. Nell’area eventi hanno continuato a fare gli inviti e li hanno stampati e mandati ai rispettivi invitati via mail. Adesso in questo momento stanno pensando ai giochi da progettare all’evento per dare al pubblico la possibilità di partecipare attivamente e non limitarsi solo ad ascoltare. Nell’area meccanica si è giunti a stabilire le quote (le misure dei pezzi). Hanno deciso di non stampare più il vaso in 3D,ma di utilizzarlo come progetto tridimensionale al fine di espanderlo virtualmente. Per quanto riguarda il progetto modulare, che è un progetto che permette una elastica e flessibile implementazione di altre funzionalità senza modificare la struttura base (core), è portato avanti da un gruppo formato da 2 informatici 2 elettronici e 2 meccanici. Sono state estratte diverse idee ed esaminate una per una ricercando i pro e i contro. Alla fine comparando questi ultimi risultati è stata scelta la miglior,e considerando fattori quali tempo, costo e materiali a disposizione. Tutto è coordinato dall’area di controllo gestione che gestisce e organizza i flussi di lavoro dei singoli gruppi.

 

Facebook Twitter Linkedin Plusone Email
Tagged , |